Archivi tag: mafia

La mafia è qui, come la combattiamo?

E’ inutile e sciocco negare che quello mafioso sia un fenomeno nazionale, forse sarebbe stato meglio rendersene conto un po’ prima ma meglio tardi che mai.
A questo punto però ci si sente spiazzati dall’impellente domanda: come fronteggiare questo nemico invisibile?

di Giorgio Bergonzoni

La verità è che la maggior parte delle persone considera la mafia invisibile perché semplicemente non la conosce bene. Proprio per questo tutti gli ospiti presenti alla Laboratorio di Politica che si è svolto nella Sala Consiliare del Municipio di Casalecchio di Reno del 27 marzo 2017 hanno affermato a gran voce che la mafia si combatte nelle scuole, attraverso l’informazione. E’ dunque un compito della scuola quello d’insegnare ai giovani la cultura della legalità e di renderla viva.

E’ stato fatto un esempio piuttosto inaspettato a questo proposito: la strage di Duisburg. Una strage di mafia avvenuta in Germania nel 2007. Il caso fu risolto grazie al fatto che un sacco di cittadini vollero testimoniare di aver visto uno dei due autori della strage. Grazie ad un forte senso di legalità ed etica le persone del luogo sono riuscite a far risolvere un caso che non sembrava aver soluzione. Senza di loro i due assassini non sarebbero stati presi. E questi tedeschi non avevano mai avuto casi di mafia nel loro territorio.

Bisogna semplicemente coltivare una qualità che nei giovani è innata: la curiosità. “Dovremmo tutti stare un po’ più sull’attenti” ha detto scherzosamente, ma forse non troppo, Enza Rando (avvocata di Libera) durante la conferenza. Quello della curiosità è stato un tema ricorrente per l’intero pomeriggio, legato anche al ruolo di Libera nel promuovere gli ideali di legalità e di etica dentro, ma anche fuori, le scuole.
Spetta allora ai Presìdi di Libera di spargere la voce, d’informare giovani e anziani sul fenomeno mafioso attraverso le più disparate iniziative.

Ci sono già molti politici e magistrati pronti alla lotta contro la mafia, e col sostegno dei cittadini potremo finalmente porre fine a questa organizzazione criminale che ci ruba costantemente risorse, dignità e democrazia. Ma “dobbiamo pretendere che i partiti che eleggiamo debbano avere nei loro piani la lotta alle mafie” dice Antonio Monachetti (avvocato e referente di Libera Bologna).
Se parleremo, denunceremo e mostreremo i nostri sospetti (ma senza pregiudizi), allora i politici ci ascolteranno.

Fortunatamente ci sono dei segnali che mostrano un miglioramento, una presa di coscienza da parte dei cittadini. Durante i recenti processi venuti fuori con l’inchiesta Aemilia, c’erano in tribunale più spettatori che parenti di mafiosi, cosa mai avvenuta in precedenza e che spesso metteva in soggezione le vere vittime portandole quasi a pentirsi di aver denunciato. Questa volta è andata diversamente, erano in maggioranza le parti offese (perché i mafiosi offendono tutti noi) che gli imputati. Si tratta di un grande esempio di partecipazione e d’interesse per un fenomeno che ci interessa tutti in quanto cittadini italiani.

Infine, abbiamo capito che la mafia si può combattere, sappiamo che c’è una volontà da parte di cittadini appartenenti a diverse fasce d’età e da parte dei politici di porre fine a questo terribile fenomeno. Adesso è necessario agire nel nostro piccolo, consapevolmente, in collaborazione tra di noi, con curiosità ed interesse: sulla mafia c’è sempre qualcosa da sapere, dobbiamo essere sempre un passo più avanti.
E’ agendo nel nostro piccolo ma insieme che potremo fare qualcosa di grande.

 

Ascolta la puntata del Grande Bidello con le interviste agli ospiti

Annunci

Nino non è solo

Antonino Polifroni è stato un imprenditore edile calabrese della città di Varapodio, ucciso nel 1996 dalla ‘ndrangheta per non aver voluto pagare il pizzo. Durante il loro viaggio in Calabria gli studenti del Liceo da Vinci hanno onorato la sua memoria e a lui è intitolato il Presidio di Libera della scuola.

Di Gabriel Hoogerwerf e Giorgio Bergonzoni

Antonino Polifroni è stato un imprenditore edile calabrese della città di Varapodio (RC). Era un innovatore nel suo ambiente, un padre di famiglia, promotore dell’artigianato locale e uomo di grande generosità: basti pensare che finanziava la squadra di calcio della sua città.
Ma oltre a tutti questi pregi, ne aveva anche un altro: si rifiutava di pagare il pizzo. Questa qualità purtroppo gli è stata fatale. Altri imprenditori della sua zona cominciarono a seguire il suo esempio e così stava diventando una minaccia. Inoltre il coraggioso Antonino non subiva silenziosamente le estorsioni e le minacce di cui era vittima, ma le denunciava, sempre.
Il 30 settembre del 1996 gli ‘ndranghetisti decisero di ammazzarlo, lasciando 6 bambini – il più piccolo di loro aveva solo 20 mesi – senza il loro papà.
I figli, oggi, seguono a testa alta l’esempio del padre e, durante il loro viaggio in Calabria, gli studenti del Liceo da Vinci hanno raccolto le toccanti riflessioni di due di loro, rispettivamente di Bruno e Nicoletta Polifroni.
Il secondo giorno della loro esperienza, i ragazzi hanno partecipato a una conferenza in cui sono intervenute molte figure istituzionali locali e personaggi cardine della lotta contro la mafia. Tra di essi, due testimoni di giustizia, l’imprenditore Tiberio Bentivoglio e Antonino Bartuccio, ex sindaco di Rizziconi, hanno parlato della loro esperienza diretta, lasciando le testimonianze più significative del viaggio.

Nino non è solo. La testimonianza dei figli e di chi ha seguito il suo esempio è il capitolo 2 del videoreportage In viaggio per testimoniare la memoria – La Calabria di Antonino Polifroni incontra il Liceo da Vinci.

Il video è a cura degli studenti del Liceo Leonardo da Vinci di Casalecchio di Reno – della redazione della Leoradio e del presidio di Libera Antonino Polifroni del Liceo da Vinci – con il coordinamento del professor Giacomo Ciacci e il supporto tecnico di Andjela Varagic di Officina delle Muse.

 

In viaggio per testimoniare la memoria

In vista dell’ultimo appuntamento del Laboratorio di Politica il prossimo 27 marzo dedicato al tema della mafia, comincia la pubblicazione a puntate del nostro videoreportage In viaggio per testimoniare la memoria – La Calabria di Antonino Polifroni incontra il Liceo Da Vinci,  che due nostri redattori e alcuni studenti del nostro Liceo – con la collaborazione del professor Giacomo Ciacci – hanno realizzato dopo la loro esperienza in Calabria lo scorso autunno per commemorare la figura di Antonino Polifroni, ucciso dalla ‘ndrangheta nel 1996.

Di Gabriel Hoogerwerf e Giorgio Bergonzoni

Solo a distanza di 20 anni sono stati dato un degno saluto e un degno ricordo all’imprenditore Antonino Polifroni, assassinato dalla ‘ndrangheta il 30 settembre 1996.
Proprio ad Antonino Polifroni è dedicato il Presidio di Libera presente all’interno del Liceo Leonardo da Vinci di Casalecchio di Reno.
Grazie a Libera siamo riusciti a entrare in contatto con Nicoletta Polifroni, una dei suoi sei figli, che ci ha raccontato come da vari anni, per ricordare la figura del padre, la famiglia abbia deciso di distribuire borse di studio nelle scuole di Varapodio (RC).
Insieme al professor Giacomo Ciacci e a Fabio Abagnato, Assessore ai Saperi e Nuove Generazioni del Comune di Casalecchio di Reno, sette componenti del Presidio del nostro liceo sono partiti alla volta della Calabria per prendere parte alla cerimonia di commemorazione.
Poiché nel 2016 è stato il ventesimo anniversario della morte di Antonino, la famiglia Polifroni ha fatto molto di più: ha voluto deporre una lapide nel luogo dell’uccisione del loro familiare, gesto che in tutti questi anni nessuna autorità locale aveva mai pensato di proporre.

 

In viaggio per testimoniare la memoria è stato realizzato da Gabriel Hoogerwerf e Giorgio Bergonzoni, con la collaborazione del professor Giacomo Ciacci e il supporto tecnico di Andjela Varagic di Officina delle Muse.

Potrete vedere il prossimo episodio la settimana prossima.

 

Il videoreportage In viaggio per testimoniare la memoria è stato presentato in anteprima all’edizione 2016 di Politicamente Scorretto.
Verrà nuovamente proiettato all’ultimo appuntamento del Laboratorio Interattivo di Politica, dal titolo Terre di mafia – La penetrazione mafiosa in Emilia-Romagna, che si svolgerà il prossimo 27 marzo alle ore 14,30 presso il Municipio di Casalecchio di Reno.

All’incontro parteciperanno Enza Rando, avvocato di Libera, Antonio Monachetti, referente provinciale di Libera Bologna, Antonella Micele,  vicesindaco di Casalecchio di Reno e coordinatrice regionale di Avviso Pubblico, e Antonio Mumolo, Consigliere dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna.

L’incontro sarà coordinato dal professor Giacomo Ciacci e dagli studenti del collettivo Antonino Polifroni del nostro Liceo.

L’evento si colloca all’interno del programma Primavera di Politicamente Scorretto e Civica 2017 – Iniziative di cultura antimafia.

“La libertà è un fatto mentale”

di Raul Cetatean

Queste le parole pronunciate dal magistrato Nicola Gratteri davanti a una platea di studenti lo  scorso 26 novembre a Politicamente Scorretto per definire il suo concetto di libertà.

Si è tenuto sabato 26 novembre l’incontro degli studenti con Nicola Gratteri al Teatro Comunale Laura Betti di Casalecchio di Reno. L’incontro è avvenuto in occasione della XII edizione di Politicamente Scorretto e in concomitanza con la Festa Nazionale di Avviso pubblico.

Politicamente Scorretto è un progetto culturale sviluppato dall’Istituzione Casalecchio delle Culture in collaborazione con Carlo Lucarelli. Lo scopo di questo progetto è quello di creare confronti e dibattiti su temi di attualità, ad esempio legalità, mafie e libertà ed inoltre prendere coscienza di questi argomenti.

Nicola Gratteri è un magistrato e saggista italiano e da aprile 2016 è Procuratore della Repubblica di Catanzaro. É un attivo oppositore della ‘ndrangheta e per questo motivo vive sotto scorta dal 1989.

L’incontro si è aperto con un breve estratto del filmato In viaggio per testimoniare la memoria a cura di alcuni studenti del Liceo scientifico Leonardo Da Vinci – di cui vi abbiamo parlato in un altro articolo – realizzato per raccontare il viaggio in Calabria organizzato dal Presidio di Libera della nostra scuola in occasione del 20° anniversario della morte di Antonino Polifroni, assassinato poiché si era opposto di pagare il pizzo.

Successivamente, i ragazzi che avevano partecipato al viaggio, insieme a e un gruppo di studenti dell’ITCS Salvemini del progetto Il viaggio legale,  hanno posto delle domande a Gratteri, a Fabio Abagnato, Assessore ai Saperi e alle Nuove Generazioni del Comune di Casalecchio di Reno, e al Presidente di Avviso Pubblico Roberto Montà. Sono state sollevate diverse questioni. Il tema che più è prevalso nella discussione riguardava il come sconfiggere le mafie. Gratteri  ha ammesso di non essere certo che si potrà sconfiggere la mafia del tutto, tuttavia ha affermato di essere convinto che per per combatterla bisogna sconfiggere la mentalità mafiosa, in primo luogo coinvolgendo sempre più i giovani ed essere informati sul tema. Il magistrato ha inoltre raccontato i vari modi in cui nella sua vita e nella sua carriera si è impegnato per combattere la mafia: è stato infatti coinvolto nella riforma della giustizia, rivisitando oltre 150 articoli del Codice Penale. Gratteri ha infine suggerito che bisognerebbe intervenire anche nella politica, una realtà in cui la corruzione è molto presente e dove la mafia ha un grande potere.

Un altro tema discusso e fonte di un acceso dibattito è stato quello della legalizzazione delle droghe leggere. In questo ambito, Gratteri si definisce un esperto ed ha fortemente espresso la sua opinione contraria alla legalizzazione, portando vari esempi e dati. Degli studi scientifici riportano che nelle persone che fanno uso sistematico di droghe leggere, la corteccia cerebrale si assottiglierebbe da 6 a 2mm e questo porterebbe persino a dimenticare quello che è successo il giorno prima. Inoltre il 36% dei giovani che fanno uso sistematico di droghe, da adulti diventeranno schizofrenici. Ad ogni modo, poiché l’80% della droga trafficata in Italia dalla mafia è costituita da cocaina, con la legalizzazione della marijuana, la mafia continuerebbe a vendere comunque e questo non destabilizzerebbe le entrate in questo settore.

15267532_10154923736672223_7176793349433124194_nIn conclusione è stata posta una domanda interessante al magistrato riguardante la sua vita, ossia come sia cambiata e se secondo lui valeva la pena vivere in quel modo, sempre sotto scorta. Gratteri ha risposto con queste parole: “Ne vale la pena perché credo fortemente negli obiettivi che mi sono prefisso nella mia vita. La libertà è un fatto mentale, e io sono uno degli uomini più liberi al mondo.”.

Riparte il Laboratorio di Politica con il referendum costituzionale

14961364_1072533806200250_2022503038_n

di Anita Farneti

Giovedì 3 novembre è il giorno che segna ufficialmente la riapertura del Laboratorio di Politica del Liceo Leonardo Da Vinci di Casalecchio di Reno.

Sono previsti cinque incontri in cui si parlerà di diversi temi di attualità con la partecipazione di vari esperti. Partecipando a quattro di essi si avrà diritto al credito scolastico. Inoltre quest’anno ci sarà la possibilità di partecipare a undici incontri di circa un’ora e un quarto (13,45-15,00) in biblioteca in cui saranno i partecipanti a scegliere il tema su cui dibattere.

Il primo incontro è previsto per il 3 novembre 2016 in aula magna dalle 14:30 alle 16:30 dove si farà un’analisi del referendum costituzionale che sarà in votazione il mese prossimo.

Giovedì 24 novembre 2016 si discuterà delle motivazioni del sì e del no, sempre parlando del referendum.

Giovedì 26 gennaio 2017 invece l’argomento sarà l’economia: esistono alternative concrete al sistema di mercato capitalistico?

Giovedì 23 febbraio 2017 verranno esposti i problemi dell’Europa Unita.

Giovedì 23 marzo 2017, dove si parlerà di mafia e legalità.

Gli incontri in biblioteca invece sono previsti per le seguenti date: 8 e 15 novembre, 1 e 15 dicembre, 19 gennaio, 2 e 9 febbraio, 2 e 30 marzo, 6 e 20 aprile.

Le date potrebbero essere soggette a delle variazioni.

Noi di Leoradio saremo lì con voi!

PS 2015: Fine trasmissioni

Anche per quest’anno una splendida edizione di Politicamente Scorretto è andata in archivio, con tantissimi incontri e iniziative proposte e un’ottima affluenza di pubblico, a testimonianza dell’interesse che tantissimi cittadini, di qualsiasi età, nutrono in questi appuntamenti.

di Giacomo Guizzardi

E quest’anno la novità è stata rappresentata dall’assidua partecipazione di noi studenti del Liceo Leonardo Da Vinci di Casalecchio attualmente impegnati alla Web Radio del liceo.
Si sono viste collaborazioni fruttuose tra noi ragazzi e i giovani volontari della Blogos Web Tv, che hanno portato alla realizzazione di interessantissime interviste e articoli.

Anche se non possiamo dimenticare che già a marzo alcuni di noi avevamo preso parte come “giornalisti” volontari all’edizione primaverile di Politicamente Scorretto, la Primavera di Legalità, in occasione della Giornata della Memoria e dell’Impegno per ricordare le vittime di mafia, che nel 2015 si è svolta a Bologna.

Tantissimi gli ospiti incontrati dalla nostra redazione a Politicamente Scorretto fra il 20 novembre e il 1 dicembre fra Casa della Conoscenza e Spazio ECO, con un lavoro che ha dimostrato una buona preparazione a livello radiofonico nell’intervistare chi di dovere.

Lo scrittore e attore Alessandro Gallo, l’ex calciatore Damiano Tommasi, il giovane giornalista Elia Minari, nostro “collega” di Corto Circuito di Reggio Emilia, il vicepresidente di Legambiente Stefano Ciafani, solo per fare alcuni nomi, con cui  si è parlato di ecomafie, Pasolini, camorra, Danilo Dolci, mafie al nord e tanto altro.

Sicuramente una bellissima esperienza sia di vita che lavorativa, che contribuirà ed arricchirà il nostro bagaglio culturale.

Tra i ragazzi che hanno preso parte a questa edizione di Politicamente Scorretto – come giornalisti, cameraman, fotografi e social media manager – citiamo, in ordine di apparizione, Laura Rigobello, Denise Passuti, Luca Cavazzini, Giovanni Fornaciari, Andrea Volpe, Giacomo Guizzardi, Lorenzo Balbo, Beatrice Lelli, Yuri Mimmi, Raul Cetatean, Chiara Vannini, Anita Farneti.

Guarda le interviste realizzate dalla Leoradio per Politicamente Scorretto 2015

 

Politicamente Scorretto

Guarda la fotogallery della Leoradio a Politicamente Scorretto 2015

 

Guarda le interviste realizzate dalla Leoradio per Primavera di Legalità – edizione speciale Politicamente Scorretto marzo 2015