Archivi tag: futuro

L’economia che non punta al solo profitto

Il 2017 è arrivato ed è ricominciato anche il Laboratorio di Politica del Liceo da Vinci con il terzo incontro del 26 gennaio. Il tema trattato girava intorno a modelli economici alternativi, con testimonianze ed esempi già presenti nel nostro paese.

Di Raul Cetatean

Il dibattito si è aperto subito con un esempio concreto esposto da Massimiliano Guerrieri, un modello di economia basato sullo scambio piuttosto che sul mercato, incentrato sull’interazione della domanda e dell’offerta e sull’arricchimento del produttore: la Cianfrusoteca.
La Cianfrusoteca è un’associazione senza scopo di lucro con l’obiettivo di tutelare l’ambiente e la natura attraverso campagne di sensibilizzazione sull’uso appropriato delle risorse naturali. Nell’ambito della lotta agli sprechi, l’associazione si occupa della ricollocazione di beni che per alcuni potrebbero non avere più un uso, ma che potrebbero servire ad altre persone.
Alla Cianfrusoteca non viene usata una vera moneta, e l’unico modo di “acquistare” un oggetto è quello di portarne uno in cambio, un principio quindi molto simile al baratto.

Questo tipo di economia alternativa può essere vista come un progetto ambientale, sociale, culturale ed economico, che permette di soffermarsi e riflettere su come l’uomo non sia legato solamente al lato economico, ma anche sociale e solidale.

Successivamente Andrea Bertani e Yuri Torri, consiglieri dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna, hanno parlato più in generale di quello che sta già avvenendo in Italia, e riferendosi al nostro territorio, hanno illustrato i contenuti della Legge Regionale sull’economia informale solidale, intitolata Promozione e sviluppo dell’economia solidale e della responsabilità sociale delle imprese.
La Legge è stata portata in Assemblea Legislativa dai consiglieri, ma è stata scritta a più mani e ha l’intenzione di promuovere, finanziare e portare avanti questo tipo di economia alternativa come un modello da seguire.

A questo proposito, sono sorte delle domande riguardo all’autosostentamento di questi modelli: senza sovvenzioni o entrate monetarie riescono a continuare l’attività?

Secondo Yuri Torri questi tipi di economia solidale sono possibili e riescono ad autosostenersi e sono già presenti: alcuni degli esempi, anche citati nella Legge, sono i GAS (Gruppi di Acquisto Solidale), i DES (Distretti di Economia Solidale) e le RES (Reti di Economia Solidale).
Il GAS è un gruppo di cui fanno parte i cittadini che cercano di sostenere un’economia che non sfrutti il lavoro e che retribuisca in modo adeguato i lavoratori, un’economia “giusta” e che tuteli l’ambiente.
Tuttavia questi gruppi di acquisto potrebbero risultare svantaggiosi per gli acquirenti, se si guarda unicamente il lato economico, poiché i prezzi degli alimenti e dei beni venduti sarebbero più alti rispetto a quelli presenti sul mercato.

Anche Elena Fanti – docente di filosofia nel nostro Liceo – è intervenuta per provare a rispondere a questa domanda, raccontando la sua esperienza personale. Avendo tenuto conto di tutte le spese sostenute per la propria famiglia e degli acquisti fatti tramite i GAS, secondo lei la spesa sarebbe minore rispetto a quella fatta in un supermercato. Infatti, mentre attraverso il GAS la spesa è più oculata e si acquista ciò che realmente serve, al supermercato si tende a essere attirati anche da altri prodotti che non sono strettamente necessari.
Un altro esempio di cui si è discusso a favore dei GAS è stato sul prezzo degli alimenti. Da un punto di vista economico, sembrerebbe meglio acquistare prodotti provenienti dall’estero perché magari in un periodo possono costare meno rispetto a prodotti nostrani. Tuttavia l’ambiente ne risente molto a causa della CO2 prodotta durante il viaggio, e questo porta danni sia all’ambiente che all’uomo.

Ci sono dunque delle strade percorribili rispetto all’economia prevalente, che possono anche risultare più vantaggiose per noi sia dal punto di vista economico che dal punto di vista della qualità della vita, cominciando anche dal nostro piccolo.

 

Ascolta le interviste agli ospiti

L’altra faccia delle elezioni

di Raul Cetatean 

Le elezioni presidenziali negli Stati Uniti d’America si sono ormai svolte questo martedì 8 Novembre. I candidati favoriti erano due: la democratica Hillary Clinton e il repubblicano Donald Trump. In vista delle elezioni presidenziali, per il partito democratico alle primarie si candidò anche Bernie Sanders, politico statunitense e senatore per lo Stato del Vermont. Bernie ha avuto molti consensi sopratutto tra i giovani e nonostante il suo carisma e le sue idee che gli hanno permesso di vincere in ben 21 stati, tra i quali il Washington, non è riuscito ad ottenere la preferenza in alcuni degli stati più importanti (New York, California, Columbia) e ha perso contro la Clinton. In tutto il mondo le persone hanno preso una posizione e simpatizzano chi per l’uno chi per l’altro candidato. Qualunque fosse il risultato, la comunità online si sarebbe sbizzarrita il più possibile per regalarci delle “perle” di comicità e di satira attraverso i meme.

I meme sono immagini, concetti o frammenti di media che si diffondono di persona in persona diventando dei veri e propri fenomeni di massa. La maggior diffusione di questi meme avviene sui social network quali Facebook e Twitter, ma anche su vari blog.

img-20161109-wa0000

 

A causa dei vari scandali che si sono susseguiti nei giorni scorsi e i vari dibattiti pubblici, incentrati non tanto sul programma politico del partito appartenente quanto sullo screditare il proprio avversario, l’internet ha le piene risorse per trasformare questi materiali in satira o comunque elementi di umorismo. Nel caso di Hillary Clinton, nel periodo in cui è stata segretaria di stato per Obama, ha usato il suo indirizzo e-mail personale anche per svolgere il suo lavoro e successivamente ha cancellato metà di quelle mail. Il problema è sorto quando il dipartimento di Stato ha dovuto fare un’indagine sulle email spedite e ricevute da Clinton per conto del congresso degli Stati Uniti. In questo modo si è scoperto che Clinton non ha usato un indirizzo email governativo e che ha cancellato circa metà delle email, ritenute da lei personali. Anche le controversie riguardanti Trump sono molte, specialmente quelle riguardanti i suoi discorsi sugli immigrati, sulle donne e gli attacchi personali al suo diretto avversario. Qui sotto alcune delle sue frasi più assurde:

«A New York si gela, noi abbiamo bisogno del riscaldamento globale!»

«Se Hillary Clinton non riesce a soddisfare suo marito, come pensa di riuscire a soddisfare l’America?»

«Costruirò un grande muro – e nessuno costruisce muri meglio di me, credetemi – e lo costruirò molto economicamente. Costruirò un grande, grande muro sul nostro confine meridionale, e farò che sia il Messico a pagare per quel muro. Segnatevi le mie parole»

Prima di parlare di cosa è avvenuto nelle elezioni presidenziali, apro una piccola parentesi per comprendere meglio il sistema elettorale americano: i cittadini non scelgono direttamente il candidato che vogliono votare, bensì votano i “grandi elettori” ovvero un gruppo selezionato e limitato di persone che hanno il potere di eleggere, in questo caso, il presidente. Il numero di grandi elettori varia a seconda della densità dello stato che si prende in questione.

Tornando a discutere sul risultato di questa lunga campagna elettorale, a grande sorpresa (nostra) è stato eletto Donald Trump con 310 voti contro la Clinton con soli 228 voti. Inoltre il partito repubblicano ha ottenuto la maggioranza anche al Senato e alla Camera, fatto che non avveniva dal 1928. Un risultato che dunque ha lasciato molto spiazzati un pò tutte le nazioni e che ha anche avuto effetti immediati sull’economia ( appena saputo il risultato, il peso messicano ha perso oltre il 9 per cento e le borse mondiali sono calate anche loro, ma per fortuna la maggior parte dei mercati sono riusciti a chiudere in positivo). Adesso non ci resta che aspettare e vedere se veramente Trump sia l’uomo di cui l’America ha bisogno per diventare di nuovo grande.

img-20161109-wa0017