Archivi tag: alice scorzoni

Una Vuelta por Toledo

Il programma Una Vuelta por Toledo nasce durante lo stage linguistico della classe 3CL del Liceo Leonardo da Vinci di Casalecchio nella città spagnola.

L’intensità delle circostanze vissute – per molti studenti si trattava del primo soggiorno all’estero -, le emozioni condivise e i momenti passati insieme hanno fatto nascere l’idea di comunicare anche ad altri la bellezza dell’esperienza.
Subito si è pensato di farlo in modo nuovo, affiché potesse a sua volta essere l’occasione per imparare a utilizzare e creare uno strumento attuale – il podcast – che raggiunga il maggior numero di persone.
Ascolterete quindi, in lingua spagnola, in 12 puntate il racconto cronologico dei dieci giorni passati in Spagna dalla viva voce di tutti i protagonisti.

 

Una Vuelta por Toledo è a cura della classe 3CL seguita dalla professoressa Maria Carla Ponzi, con il tutoraggio della dottoressa Sara Carboni.
Gli studenti che hanno partecipato al progetto sono: Sofia Carlotti e Sara Quadalti per la puntata 1, Camilla Albertazzi e Elisa Rizzioli per la puntata 2, Riccardo Angiolini e Alice Scorzoni per la puntata 3, Alessandro Andini e Francesco Rosati per la puntata 4, Selma El Harkaoui e Angelica Scarcella per la puntata 5, Greta Ippoliti e Andrea Volpe per la puntata 6, Ilaria Demaria e Federica Zhou per la puntata 7, Alma Balduzzi e Gaia Giovagnoni per la puntata 8, Nicolò Presiccio e Soukaina Daraoui  per la puntata 9, Aurora Barretta e Gaia Martini per la puntata 10, Elisa Gamberini ed Erica Stanzani per la puntata 11, Hammad Amjad, Elena Fabbri e Cecilia Tolino per la puntata 12.

Una Vuelta por Toledo

Guarda la fotogallery del laboratorio
Le foto sono della professoressa Maria Carla Ponzi

Leggi Memorie di uno stage toledano di Lorenzo Balbo

Leggi Toledo: uno stage indimenticabile di Alice Scorzoni

Annunci

Toledo: Uno stage indimenticabile

di Alice Scorzoni 

Quest’anno anche la terza CL ha potuto cogliere l’opportunità di partecipare alla vacanza studio organizzata dalla nostra scuola.
Così, finalmente, il 2 febbraio siamo partiti alla volta di Toledo, nonostante parecchi di noi siano stati travolti da “un’epidemia influenzale” proprio il giorno prima della partenza.
Una vacanza studio non è mirata solo ad un approfondimento linguistico, ma anche culturale, gastronomico e sociale, unito ad un’atmosfera di spensieratezza e di svago.
Toledo, con circa 83.000 abitanti, si trova a 70 chilometri dalla capitale Madrid. È una città molto turistica, con una storia antica e monumenti suggestivi che testimoniano la presenza in passato di diverse culture, popolazioni e religioni (Arabi, Musulmani, Ebrei e Cristiani).
Anche la vicina Madrid è stata meta di numerose visite per andare alla scoperta delle sue ricche testimonianze artistiche e culturali.
Le famiglie presso le quali abbiamo alloggiato si sono dimostrate molto accoglienti ed ospitali. Un’immersione totale nelle abitudini di chi è disposto a sopportare pranzi e cene ad orari completamente fuori dai nostri ritmi… da sottolineare però che non solo i pasti avevano orari inconsueti, ma anche le lezioni a scuola non iniziavano prima delle 10 della mattina! Naturalmente tutti abbiamo apprezzato puntare la sveglia in funzione degli orari spagnoli.
Una nota positiva va riconosciuta anche ai professori che ci hanno accompagnato e che si sono impegnati ad organizzare al meglio ogni giornata della nostra vacanza.
Arrivati al termine del soggiorno abbiamo chiuso le nostre valigie per tornare a casa con un bagaglio sicuramente più pesante, perché sono tante le cose che ci siamo portati dietro dopo questa settimana vissuta così intensamente: il ricordo delle persone conosciute sul posto, la scoperta sempre nuova di quelle che conoscevamo già e quella di noi stessi che di questa esperienza conserviamo ogni traccia lasciata su di noi.
Attendiamo trepidanti il prossimo anno nella speranza di raggiungere una nuova interessante destinazione.

Stage a Toledo 2016

Guarda la fotogallery
Le foto sono di Andrea Volpe

Leggi Memorie di uno stage toledano di Lorenzo Balbo