Fa’afafine

 di Anita Farneti

faafafine_1_farnetiSono al Teatro Laura Betti di Casalecchio di Reno dove va in scena lo spettacolo diretto dal regista Giuliano Scarpinato Fa’afafine .

Fa’afafine nell’isola di Samoa, in Polinesia, viene utilizzato per indicare le persone di terzo genere, ovvero che non si identificano né con i maschi né con le femmine. Lì sono figure estremamente rispettate. Possono decidere come vestirsi ed hanno il permesso di sposare sia uomini che donne.

Il protagonista dello spettacolo è Alex, un fa’afafine di otto anni, interpretato dall’attore Michele Degirolamo.

Si alza il sipario e lo vediamo nella sua cameretta intento a raccontare alle sue bambole del suo compagno di classe Elliot, di cui si è innamorato. Alle sue bambole Alex confessa di avere in programma di andare a prendere all’aeroporto  Elliot, che quel giorno sarebbe ritornato da un viaggio e, dopo avergli confessato il suo amore, fuggire insieme, a Samoa, dove finalmente sarà lasciato libero di essere ciò che vuole.

Assistiamo all’esilarante scena in cui deve decidere cosa mettersi: un vestito da principessa assieme al casco di Thor, un cerchietto con le farfalle e degli occhiali da aviatore. Resta solo da decidere se per completare il look sono meglio delle scarpe da ginnastica o col tacco.

Ma in quel momento i genitori bussano alla porta, ma trovandola chiusa a chiave, domandano cosa stia succedendo. Proprio nel momento in cui Alex confessa ai genitori il suo piano, la madre riceve una lettera dalla scuola che li convoca per dei “problemi” riguardanti il figlio, e subito dopo anche una chiamata dalla madre di Elliot, che le riferisce che suo figlio non vuole più andare a scuola perchè si vergogna dei bigliettini d’amore che Alex gli lascia nell’armadietto.

A quel punto Alex, che ha ascoltato tutto, disperato, si ricorda di ciò che la nonna gli aveva detto una volta: “Per comunicare con qualcuno lontano da te devi pensare a lui fortissimo, e ti sentirà”. Così tenta di mettersi in contatto con quelli che lui crede essere i suoi unici salvatori: i fa’afafine. Con la sua immaginazione trasforma la sua cameretta in una navicella spaziale, che però non lo porta a Samoa, ma in una landa desolata.

L’attore Degirolamo, durante l’intervista seguita allo spettacolo, mi ha spiegato che quello che volevano trasmettere al pubblico con la scena sopra descritta è che, prima di fare un “salto” verso una realtà diversa da quella che stiamo vivendo, bisogna prima affrontare il proprio quotidiano. In questo caso il quotidiano è il rapporto di Alex con i suoi genitori, con i quali è necessario raggiungere un’intesa al fine di arrivare a Samoa, il luogo immaginato da Alex come luogo felice.
Infatti nella scena successiva i genitori riescono a far sfogare il figlio, e così riescono finalmente a fargli confessare il motivo del suo progetto di fuga e di non tornare più a scuola: in classe Alex è tormentato dai bulli. Racconta di quando per sbaglio la sua bambola gli sia uscita dallo zaino e di come i compagni, vedendola, abbiano iniziato a prenderla a calci.

faafafine_2
Allora la madre prende una decisione, esce per un attimo e si ripresenta vestita da uomo, accompagnata dal marito, vestito da donna. Vedendoli Alex prende il suo zainetto, mette la sua bambola in bella mostra ed esce dalla camera in cui si era barricato. Tutti insieme si dirigono a scuola, a dimostrare al mondo che sono una famiglia speciale.

faafafine_3

Io sono uscita dalla sala più che entusiasta, ma non tutti sono della mia stessa opinione: infatti questo spettacolo si è scontrato con le proteste di molti genitori ed insegnanti, impauriti da quello che questo spettacolo avrebbe potuto insegnare ai bambini. Ma vi posso assicurare che ai bambini che io ho visto in sala lo spettacolo è piaciuto tantissimo. Una di loro, in particolare ha alzato la mano a fine spettacolo per dire una frase, a parer mio, emblematica: “Non è mai sbagliato essere sé stessi”.

Ascolta la rubrica Laura&Leo dedicata allo spettacolo Fa’afafine

Annunci

Laura and Leo – Fa’afafine

di Anita Farneti

Terza puntata per la rubrica Laura&Leo, realizzata in collaborazione tra il Liceo Leonardo Da Vinci e il Teatro Comunale Laura Betti di Casalecchio di Reno.

In questa puntata vi parleremo dello spettacolo Fa’afafine andato in scena il 13 marzo 2016, scritto da Giuliano Scarpinato e interpretato da Michele Degirolamo, con la partecipazione di Gioia Salvatori, una produzione Teatro Biondo Stabile di Palermo.

Qui potrete ascoltare il nostro commento e l’intervista integrale a Michele Degirolamo e Giuliano Scarpinato.

Laura&Leo - Fa'afafine

Guarda i disegni di Anita Farneti

La rubrica è realizzata con la collaborazione di Andrea Volpe alla parte tecnica.

Le musiche sono rilasciate con licenza creative commons e sono scaricate dal sito Jamendo. In questa puntata la musica di sottofondo è Fiore d’inchiostro di Mattia Vlad Morleo. La sigla è Possibilities di Jasmine Jordan

Leggi la recensione “graphic” dello spettacolo Fa’afafine

Festival dell’Oriente: un fantastico viaggio in luoghi mozzafiato

Il Festival dell’Oriente permette un fantastico viaggio nello stravagante e sconfinato mondo asiatico e di teletrasportare chiunque vi partecipi in luoghi a dir poco mozzafiato.

di Denise Passuti

Basta un passo per ritrovarsi prima in Bangladesh, poi in Birmania, Cina, Corea, Giappone, India, Indonesia, Malesia, Mongolia, Nepal, Tibet e infine in Thailandia.

Al Festival dell’Oriente, che si è tenuto a Bologna Fiere proprio in queste ultime settimane, è infatti possibile assistere a spettacoli di ogni genere – di ballo, canto, arti marziali e tanto altro – e ammirare mostre fotografiche dei vari Paesi orientali.

O anche comprare nei bazar gli oggetti più disparati, come ad esempio opere d’artigianato, abiti tradizionali, armi splendenti o favolose pietre preziose, e negli stand alimentari cibi e bevande di ogni tipo, dai pocky – grissini ricoperti di cioccolato, come i Mikado – alle leggerissime nuvole di drago, che sono sfogliatine fritte al gusto di frutti di mare.

Festival-Oriente_bolognaSi può partecipare a cerimonie tradizionali come la vestizione del kimono, la preparazione del the o l’incontro con i gentilissimi bonzi che ti legano al polso un braccialetto portafortuna.

Le attività proposte, tuttavia, non sono solo queste, ma ci sono anche aree adibite allo yoga, ai massaggi, ai combattimenti e non solo!

Un altro aspetto veramente strepitoso è la presenza di vari ristoranti e stand di essenze e spezie, che diffondono in tutti e tre i padiglioni profumi veramente allettanti e travolgenti: sembra davvero di essere da tutt’altra parte, in uno di quei misteriosi e affascinanti Paesi dell’Asia.

È un’esperienza che merita davvero di essere vissuta, in primo luogo perché è a due passi da “casa”, e in secondo luogo perché non è una possibilità di tutti poter viaggiare e raggiungere questi straordinari angoli di paradiso dall’altra parte del mondo.

Perché GG Allin è simbolo indiscusso di ribellione

Alice Cooper, Iggy Pop, Marilyn Manson, nomi che rimandano immediatamente all’archetipo del ribelle. Ma c’è un altro personaggio, poco conosciuto dai meno giovani e quasi sconosciuto ai più giovani, rimasto però celebre nel panorama punk americano: il suo nome era Kevin Michael Allin, meglio noto come GG Allin.

di Guglielmo Dussi

Prima di spiegare il perché sia diventato simbolo indiscusso di ribellione, partiamo dall’inizio.
GG nasce nel 1956 a Lancaster nel New Hampshire, all’epoca il posto più bigotto degli Stati Uniti. Il padre, fondamentalista cattolico, lo chiama inizialmente “Jesus Christ”, da cui il nome GG. Il fratello Merle, non riuscendo a pronunciare il nome, prese a chiamarlo “GeGe”.
Le rigide regole che egli imponeva alla sua famiglia spinsero il giovane Allin sempre più verso la ribellione instradandolo verso il rock. Stanca di tutto, la madre dapprima cambia il nome di GG in Kevin Michael Allin e in seguito si separerà dal marito, traslocando con i suoi due figli.

Ma ormai è fatta: da qui comincia la carriera da sbandato che caratterizzerà la vita del cantante per tutta la sua vita, fatta inizialmente di piccoli furti, spaccio e altri piccoli crimini che lo porteranno in prigione una cosa come 50 volte.
Comincia inoltre a suonare con il fratello nei Malpractice, nel 1975.
Ma i gruppi in cui egli ha militato sono innumerevoli, per citarne alcuni: The Murder Junkies (ancora attivi), The Antiseen e The AIDS Brigade.

E ora arriviamo al punto, e al motivo per cui è ricordato.
I suoi spettacoli dal vivo erano conditi da risse con il pubblico – una volta ruppe sei denti a un tipo con un colpo di microfono – esibizioni completamente nudo, ubriachezza, “contatti” più o meno espliciti con il pubblico e automutilazioni. Tutto ciò portava nella maggior parte dei casi alla fine anticipata del concerto, spesso fermato dall’arrivo della polizia. Continue erano inoltre le minacce di porre fine alla sua vita sul palco, cosa che voleva fare la notte di Halloween del 1989, ma non vi riuscì perché venne arrestato e tenuto in prigione tre anni.
Uscito più arrabbiato di prima, intraprese un ultimo tour, terminato con il concerto del 27 giugno 1993. Dopo la fine della serata, si reca a casa di amici e inizia ad assumere droga e alcool. Viene trovato morto l’indomani e, su richiesta del fratello Merle, sepolto senza essere lavato, e il suo funerale diventa in breve tempo un party a base di hardcore punk.

In conclusione, per quanto fosse sicuramente discutibile come personaggio, trovo GG Allin piuttosto interessante dal punto di vista musicale.
Nonostante fosse mediamente dotato – non era stonato, ma non si poteva certamente definire un grande cantante – la sua musica è odio sputato su un microfono, ed è sincera fino al midollo.
Disprezzava la società e attraverso la sua musica esprimeva perfettamente il suo risentimento e la sua disapprovazione, riuscendo ottimamente a raggiungere il suo obbiettivo.
Parafrasando una sua affermazione, possiamo dire che la sua mente fosse una mitragliatrice e il suo corpo i suoi proiettili, che lui indirizzava verso il pubblico.

Una visione comune per il nostro futuro

di Raul Cetatean 

E anche questo anno siamo arrivati alla conclusione di un’altra edizione del Laboratorio Interattivo di Politica del nostro Liceo.

Il quinto incontro si è tenuto il 10 marzo e si è discusso di un argomento molto interessante e sicuramente importante, che coinvolge ciascun cittadino di Bologna e dintorni: la Città metropolitana.
Erano presenti come ospiti il Consigliere Delegato allo Sviluppo Economico della Città Metropolitana Benedetto Zacchiroli e il Funzionario della Città Metropolitana Alessandro Delpiano.

Siamo partiti chiedendoci a cosa servano così tanti livelli istituzionali (in Italia ad esempio sono presenti 20 regioni, 105 province, circa 8100 comuni…) e ci sono due risposte a questa domanda: per il controllo, sia del territorio che sul territorio, e perchè ciascuna di queste istituzioni risponde a diversi bisogni dei cittadini.

La Città metropolitana di Bologna ha sviluppato un Piano Strategico Metropolitano (PSM), di cui si parla anche nella Legge Delrio, proprio per andare incontro ad alcuni dei bisogni dei cittadini e per progettare un futuro migliore.

Il PSM è composto da 4 tavoli di progettazione, 15 programmi strategici e 67 progetti trasversali.
I 4 tavoli si occupano di innovazione e sviluppo, benessere e  coesione sociale, conoscenza, educazione e cultura e infine ambiente. I programmi strategici e i progetti si basano sugli argomenti presenti sui tavoli.

Inoltre, la Città metropolitana indica come possibile modalità di sviluppo amministrativo l’unione e la fusione tra comuni, e Bologna è tra le poche città metropolitane, se non l’unica, nella quale i comuni lavorano realmente insieme. Questo è molto significativo, e indica quanto questi territori siano aperti da questo punto di vista.

Negli ultimi anni Bologna sta diventando sempre più competitiva, anche rispetto alle città europee più importanti, a livello di industrie o di sistemi infrastrutturali. Tutto questo  – secondo i nostri ospiti – è e sarà possibile solo se si è uniti. Zacchiroli e Delpiano sono convinti che solo in questo modo si può essere più grandi e competitivi.

Città metropolitana di Bologna

 Guarda la fotogallery
Le foto sono di Martina Consolini

Ascolta le interviste agli ospiti realizzate per Il Grande Bidello

Il Grande Bidello – Bologna Città metropolitana

La Città metropolitana di Bologna è stato il tema del quinto incontro del Laboratorio Interattivo di Politica del nostro Liceo. Ad esso abbiamo dedicato l’ultima puntata della stagione de Il Grande Bidello – L’occhio sul mondo della scuola.

A cura di Andrea Volpe, Giovanni Fornaciari, Gabriel Hoogerwerf, Giulia Ruschi, Stefania Bucciol, Martina Consolini

Benedetto Zacchiroli
Benedetto Zacchiroli

Qual è la differenza tra la vecchia Provincia e la Città metropolitana e quali saranno le novità nel piano economico? Ce ne ha parlato Benedetto Zacchiroli, Consigliere Delegato allo Sviluppo Economico della Città metropolitana di Bologna.

Alessandro Delpiano
Alessandro Delpiano

Il funzionario della Città metropolitana di Bologna Alessandro Delpiano ci ha spiegato cos’è il Piano strategico metropolitano e in che modo si possono avvicinare i cittadini a questo tema.

 

 

 

Città metropolitana di Bologna

 Guarda la fotogallery
Le foto sono di Martina Consolini

Leggi l’articolo dedicato all’incontro di Raul Cetatean

Toledo: Uno stage indimenticabile

di Alice Scorzoni 

Quest’anno anche la terza CL ha potuto cogliere l’opportunità di partecipare alla vacanza studio organizzata dalla nostra scuola.
Così, finalmente, il 2 febbraio siamo partiti alla volta di Toledo, nonostante parecchi di noi siano stati travolti da “un’epidemia influenzale” proprio il giorno prima della partenza.
Una vacanza studio non è mirata solo ad un approfondimento linguistico, ma anche culturale, gastronomico e sociale, unito ad un’atmosfera di spensieratezza e di svago.
Toledo, con circa 83.000 abitanti, si trova a 70 chilometri dalla capitale Madrid. È una città molto turistica, con una storia antica e monumenti suggestivi che testimoniano la presenza in passato di diverse culture, popolazioni e religioni (Arabi, Musulmani, Ebrei e Cristiani).
Anche la vicina Madrid è stata meta di numerose visite per andare alla scoperta delle sue ricche testimonianze artistiche e culturali.
Le famiglie presso le quali abbiamo alloggiato si sono dimostrate molto accoglienti ed ospitali. Un’immersione totale nelle abitudini di chi è disposto a sopportare pranzi e cene ad orari completamente fuori dai nostri ritmi… da sottolineare però che non solo i pasti avevano orari inconsueti, ma anche le lezioni a scuola non iniziavano prima delle 10 della mattina! Naturalmente tutti abbiamo apprezzato puntare la sveglia in funzione degli orari spagnoli.
Una nota positiva va riconosciuta anche ai professori che ci hanno accompagnato e che si sono impegnati ad organizzare al meglio ogni giornata della nostra vacanza.
Arrivati al termine del soggiorno abbiamo chiuso le nostre valigie per tornare a casa con un bagaglio sicuramente più pesante, perché sono tante le cose che ci siamo portati dietro dopo questa settimana vissuta così intensamente: il ricordo delle persone conosciute sul posto, la scoperta sempre nuova di quelle che conoscevamo già e quella di noi stessi che di questa esperienza conserviamo ogni traccia lasciata su di noi.
Attendiamo trepidanti il prossimo anno nella speranza di raggiungere una nuova interessante destinazione.

Stage a Toledo 2016

Guarda la fotogallery
Le foto sono di Andrea Volpe

Leggi Memorie di uno stage toledano di Lorenzo Balbo

Il Random Quiz dell’autogestione

di Lorenzo Tanzen Balbo

Triplice fischio, tutti nelle aule. Quelle di sempre. Siccome l’obiettivo della fiera era fare in modo che i frutti di questa autogestione – svoltasi dal 22 al 25 febbraio – maturassero col tempo, sarebbe stato ingiurioso far cadere nel dimenticatoio questi tre giorni di libertà vigilata. Come anche limitarsi a scrivere articoli “monoprospettici” per commentare ciò che è stato. Al fine di dare una visione dei fatti più dettagliata ed imparziale, meglio, dunque, affidarsi a pareri più autorevoli. I ragazzi selezionati per questo Random Quiz, vedrete, sono tutti volenterosi, acuti e preparati. Pertanto, bando alle presentazioni, parola agli attori.

Chi organizza. Ragazzi, a mente fredda, un bilancio su questa autogestione.

Chiara Vannini: “Siamo molto soddisfatti per il lavoro e di chi ha collaborato. Un grazie enorme va a Fabio Abagnato (Assessore ai Saperi e alle Nuove Generazioni del Comune di Casalecchio di Reno ndr), che ci ha aiutato ad imbastire una fitta rete di contatti. Partecipazione calante dal 74% fino al 61% del terzo giorno, purtroppo. Di questo siamo molto delusi: vediamo l’autogestione come un momento di rottura della monotonia scolastica. Avremmo potuto metterci in gioco e, invece, abbiamo perso l’occasione. Sia i prof sia la preside ci hanno comunque sostenuto e fatto i complimenti per il lavoro ben riuscito”.

Arianna Zanardi: “Sono stati tre giorni impegnativi e frenetici da gestire, ma il risultato è stato abbastanza soddisfacente: abbiamo organizzato molti gruppi interessanti con il coinvolgimento di numerosi esterni. Segnalo, però, molta poca partecipazione da parte degli studenti”.

Chi ritorna. Un confronto tra questi tre giorni e quelli dell’anno passato.

Luca Vanelli (matricola di Lettere Moderne): “Ammetto di non poter sviluppare un confronto equivalente, avendo vissuto molto più intensamente l’organizzazione strutturale della passata autogestione. Tuttavia, l’organizzazione mi è sembrata ben gestita anche in questa seconda occasione: confermato il sito per le iscrizioni e i numerosi gruppi, tutti molto interessanti e stimolanti”.

Samuele Abagnato (matricola di Ingegneria): “Rispetto all’anno scorso non trovo grosse differenze, se non nei numeri, ma ammetto di avere un punto di vista molto limitato. Mi è sembrato che i gruppi interessanti ci fossero e che molti ragazzi si siano messi in gioco per dare il loro contributo”.

Amarcord. Un ricordo particolarmente caro relazionato all’autogestione.

Chiara Vannini: “Sicuramente i problemi affrontati e risolti insieme e la soddisfazione dei ragazzi che hanno partecipato con passione ai gruppi, con tanta voglia di farne parte e l’interesse che gli si leggeva negli occhi”.

Alice Zoni (imperatrice della scorsa edizione): “Senza dubbio l’applauso finale del Collegio Docenti che, dopo aver remato contro l’organizzazione, in chiusura di manifestazione ne ha riconosciuto l’ottima riuscita”.

Federico Ramponi (ex-imperatore): “L’estenuante lavoro di preparazione, ma soprattutto il confronto di idee coi ragazzi del Nucleo Organizzativo (il collettivo istituito l’anno scorso proprio per organizzare l’autogestione, ndr).”

Col senno di poi. Quali le principali problematiche e cosa cambiereste tornando indietro.

Chiara Vannini: “Ci siamo mossi in ritardo: avremmo dovuto informare gli esterni con più anticipo. Rammarico per i “pacchi” dell’ultimo minuto (vedi Jam Session che ha scoperchiato 12 turni)”.

Matteo Sacco: “A mio avviso, principale criticità è stata l’attivazione troppo attardata del sito per le iscrizioni”.

Chi si sbatte. Che tipologia di gruppi avete organizzato e quanto impegno avete profuso per la loro realizzazione?

Raul Cetatean: “Io e un mio compagno (Luca Cavazzini, ndr) abbiamo organizzato un gruppo trattante la storia dell’Isis e del Kurdistan. Ho impiegato circa una settimana per la raccolta di informazioni e la stesura dell’articolo. Due o tre orette, invece, per trovare documenti e interviste sugli avvenimenti recenti.

Luca Cavazzini: “Il tempo è stato dedicato principalmente a cercare materiale con la filosofia del minimo sforzo massima resa. Però, comunque, un paio di orette le ho spese.”

Anita Farneti: “Ho organizzato 2 gruppi. Il primo sul disegno e sul fumetto: ho fatto una gran fatica, ma mi sono divertita moltissimo. Nel secondo ho proiettato un film (“Lavorare con lentezza”): ho fatto zero fatica nell’organizzarlo, ma mi sono presa un raffreddore tremendo, passando dalla succursale alla sede sotto la pioggia. Senza contare, poi, che ho dovuto chiamare il tecnico perché quel computer obsoleto non voleva ridarmi il dvd”.

Dalla parte dei bachi. Come giudicate l’organizzazione? Ritenete che la scelta dei gruppi fosse congrua e stimolante?

Elena Armaroli: “L’organizzazione mi è sembrata ottima, grande puntualità e poche persone fuori dalle aule. Ovviamente ho assistito solo ad alcuni gruppi, che ho trovato davvero stimolanti. Ho visto ragazzi molto appassionati e desiderosi di sapere e di insegnare. Unica pecca: spesso si sovrapponevano gruppi sullo stesso tema, o temi molto simili, durante lo stesso turno”.

Simone Cossu:” Quest’autogestione mi è parsa ben organizzata per quanto riguarda i primi turni, in cui sono stati proposti gruppi interessanti. I secondi turni un po’ trascurati con, in prevalenza, proiezioni di film. Migliorabile, ma mi reputo soddisfatto”.

Chi osserva. Vista dall’esterno, come giudicate la partecipazione degli studenti?

Luca Vanelli: “Non posso astenermi dal criticare il flusso di persone che hanno partecipato all’autogestione: scuola non certamente stracolma. Non mi avventuro, però, in improbabili interpretazioni di questo fenomeno, non vivendo l’ambiente scolastico di quest’anno. I rappresentanti mi pare abbiano lavorato bene (mi verrebbe dire qualche film di troppo, forse) e, di certo, non si può attribuire loro la responsabilità delle assenze. Critico la scarsa voglia di partecipare del popolo Da Vinciano, sintomo preoccupante per una scuola che si è sempre caratterizzata per una coesione interna, rinominata spesso “fotta”, davvero notevole. Urge correre ai ripari… Come, purtroppo, non so.

Samuele Abagnato: “Il mio è un punto di vista che si limita a poche ore dell’autogestione, dato che ho tenuto un gruppo (“Caparezza”) in un solo turno di uno dei tre giorni. La partecipazione forse è stata minore di quella che mi aspettavo (nel mio gruppo c’erano 5 partecipanti), ma per fortuna il numero di studenti non è tutto, perché mi sembravano comunque interessati e motivati: è questa la cosa più importante”.

Matricole. Era la vostra prima partecipazione attiva? Ripetereste l’esperienza l’anno prossimo?

Anita Farneti: Sì, era la mia prima esperienza e sì lo rifarei l’anno prossimo, ma solo un gruppo (facendone due non me la sono goduta granché l’autogestione).

Gabriel Hoogerwerf (organizzatore del gruppo sul “Diritto all’abitare”): Fiero di dire che no, non era la mia prima esperienza: ho già partecipato a 2 autogestioni. Lo rifarei il prossimo anno? No. O almeno, non se si deve svolgere come l’edizione appena passata. Inizialmente, leggendo la lista dei gruppi, la mia curiosità si era infervorata, ma confesso che, purtroppo, ho letto in pochissimi altri volti la stessa voglia, sentendo addirittura gente che avrebbe preferito, testuali parole, assistere a “lezioni standard”. La mia negatività verso l’autogestione non è causata dai rappresentanti, anzi. Sono più deluso dal comportamento del corpo docenti: l’idea di mettere i professori in corridoio come “sorveglianza” mi ha fatto capire come tutto questo fosse solo un mero contentino dato agli studenti giusto per continuare la tradizione: i professori avrebbero dovuto partecipare, magari creando gruppi al fine di insegnare cose diverse dalle solite nozioni”.

Titoli di coda, insomma. Chiudiamo qui la “telecronaca” di questa autogestione. La quale, se non v’è dispiaciuta affatto, ma anche nel malaugurato caso fosse riuscita d’annoiarvi (e credete, non s’è fatto apposta), vogliatene bene a chi l’ha capitanata, a chi ha contribuito ad organizzarla e, se volete, anche a chi l’ha raccomodata. Era il nostro modo per dimostrare che noi Da Vinci ci teniamo e per la sua causa ci sbattiamo. Sempre.

Questo non è uno sfogo scolastico

di Aurora Martelli

Diciamo sempre di voler tornare alle scuole elementari per godere le ricreazioni interminabili o alle medie per rivivere le prime esperienze dell’adolescenza, perchè ricordiamo quegli anni come il periodo più giocoso e libero della vita, nel quale non esistevano limiti né regole, e non c’era neanche la preoccupazione di sapere cosa fosse un riassunto o un saggio breve, perchè queste cose avrebbero dovuto aspettare ancora un po’.

Settembre. Il mese più odiato dagli studenti, i quali devono riportare la testa sul pianeta Terra dopo essersi goduti tre mesi pieni di vacanze; si ricomincia con le levatacce al mattino presto, la colazione spiccia e contenuta, c’è troppo poco tempo per poter soddisfare a fondo i bisogni mattinieri dello stomaco. Dopo aver chiuso zaino e giacca si dà una rapida occhiata all’orologio e ci si accorge, inevitabilmente, di essere in ritardo.
Allora si afferrano prontamente le chiavi di casa e si collegano le cuffiette al telefono, perchè si sa che la giornata di uno studente non può non iniziare con la musica.

Una volta arrivati a scuola, la prima cosa da fare è cercare gli amici e sfogare la propria rabbia sulla vacanze finite troppo presto ma, dopo aver realizzato di essere agli inizi del nuovo anno, il cervello deve assolutamente trovare il modo di recuperare tutte le energie psico-fisiche per riuscire ancora una volta a sopravvivere.
Secondo questa logica, anche gli insegnanti dovrebbero subire lo stesso trauma e arrivare in classe con zero voglia di fare lezione, invece entrano tutti belli pimpanti con un sorriso a trentadue denti e una voce squillante ansiosi di chiedere se i compiti estivi sono stati fatti e se qualcuno abbia voglia di ricordare con un breve discorso gli ultimi argomenti studiati l’anno precedente. Ma cosa ci si può aspettare alle 8,00 di mattina del primo giorno di scuola, dopo che la propria libertà è stata stroncata dalla fastidiosa suoneria della sveglia? Così tutti quegli occhietti che sembrano crollare sui banchi restano pesanti, socchiusi o anche del tutto chiusi nel caso in cui qualcuno sia riuscito a trovare il posto giusto, un po’ nascosto, per dormire ancora un po’. L’insegnante quindi rimane insoddisfatto senza risposte e talvolta sceglie di passare alle “maniere forti” cominciando a fissare le prime verifiche scritte. A quel punto, allora, lo studente dovrebbe essersi svegliato e con tanta nostalgia inizia a sfogliare il diario e a fare la somma totale delle settimane che mancano alla fine, al giorno in cui finalmente riconquisterà la libertà.

Così passano i mesi e lo stesso trauma si ripete dopo le vacanze natalizie, e con un po’ di rammarico si ritorna alla solita routine. A spezzare proprio questa routine, per staccare un po’ la testa, ci sono gli amici, le feste, i sabato sera, la musica, le crisi e i pianti, le mamme, la macchina, lo sport e i pranzi della domenica. Eh si, è un dovere più che un diritto trovare il maggior numero di vie di fuga possibile al fine di non passare un anno intero immerso nello studio.

Quando torna la bella stagione si respira un’aria migliore, più nuova, ci si sente quasi rinati come i fiori colorati in primavera e i baci caldi del sole trasmettono forza e ottimismo. Piano piano, dopo giorni infernali e disavventure da dimenticare si fanno due conti e giugno è arrivato. La fine è vicina e la gioia si triplica al suono dell’ultima campanella, ma bisogna sapere che la vita di uno studente è perennemente popolata da ansia e preoccupazione, infatti mentre per i maturandi la strada si prolunga, tutti gli altri sono immersi nella gelida attesa di scoprire il responso dell’anno.

Jessica and Me

di Anita Farneti

Sono al Teatro Laura Betti di Casalecchio di Reno dove va in scena lo spettacolo Jessica and Me, che mette insieme danza e recitazione, interpretato da Cristiana Morganti, una ballerina che faceva parte della compagnia diretta da Pina Bausch.

Qual è la trama dello spettacolo?
Beh, quando l’ho chiesto, Cristiana Morganti mi ha risposto: “Non c’è”. Guardandolo mi sono resa conto effettivamente che è vero: infatti si tratta di un insieme di aneddoti riguardanti la sua vita di danzatrice, riflessioni sul suo mestiere e su cosa significa essere ballerine a quasi 50 anni. Il tutto accompagnato da una grande ironia, poiché, lei stessa ha affermato “Se si parla di sé stessi senza utilizzarla poi si diventa insopportabili”.

morganti_1

Tutto inizia con lei che entra in scena danzando con in sottofondo la sua voce, registrata, che la critica senza pietà: ”Questa mossa l’hai copiata, questa la fai sempre, questa piace solo a te!”

Poi si blocca, tira fuori un registratore e la voce di una giornalista, la Jessica del titolo, inizia a farle delle domande:

J: “Perché si sta in scena?”

C: “Ah, non saprei, ognuno ha le sue ragioni…”

J: ”E’ forse un modo per riempire un vuoto affettivo, o per assecondare il vostro narcisismo?”

Insomma, avete capito il tipo…

Ad un certo punto la ferma e si mette a raccontare. La difficoltà che ha ora a danzare si fa sempre più evidente, con tutti i problemi fisici che si sono aggiunti negli anni (il piede che deve fasciare ogni volta, il ginocchio e la schiena doloranti).

morganti2_

“Ho iniziato a danzare a cinque anni” ci dice “io non ero molto convinta, poi però, visto che ero bravina, mia madre mi ha iscritta alla scuola di danza di Roma.”
A tredici anni si è dovuta mettere un reggiseno contenitivo elegantemente soprannominato “la corazza” poiché si stava sviluppando troppo.
A sedici l’insegnante disse a sua madre: “Signora, sua figlia è bravina, ma mi si sta allargando troppo. E’ un peccato, perché a causa di questo il massimo che potrà fare sarà l’insegnante, o al massimo la coreografa”.

Invece non è andata affatto così.
Infatti qualche anno dopo ha iniziato a far parte del celebre Tanztheater Wuppertal  diretto da Pina Bausch.
Il suo fisico considerato “inadatto” non le diede più alcun problema, dato che in quella compagnia tutti i danzatori venivano scelti per il talento, non per il corpo. Ci dice: “I ballerini di quella compagnia sono persone all’apparenza normali, ma quando si mettono a danzare ti incantano”.

Jessica riprende a parlare:

J: “Vero che Pina era severa?”

C: “Ah no, pretendeva molto da noi ma non…”

J: “Ah, quindi era proprio crudele?”

C: “Ma no, assolutamente, anzi…”

J: “Come vi sentite adesso che non c’è più? Come degli orfani?”

A questo punto Cristiana, arrabbiata, lancia via il registratore, zittendola.

“Sapete, negli anni ’70 in ogni spettacolo era necessario saper fumare, ma io non ci riuscivo proprio! Così Pina mi diede una lezione privata”.

morganti3

Finito il racconto si infila un fantastico vestito bianco da sposa, si fa accendere una sigaretta da uno spettatore, e l’abito prende fuoco! Cioè, ovviamente non sul serio, si tratta di un semplice effetto speciale, però incredibile. Si spengono le luci e gli applausi sembrano non finire mai.

Ascolta la rubrica Laura&Leo dedicata allo spettacolo Jessica and Me