Open Hair, semplicemente wow!

Open Hair è il nome di uno spettacolo di danza contro la violenza sulle donne, al quale prenderanno parte, tra le altre, alcune giovani ballerine che frequentano il nostro liceo.

di Anita Farneti

open hairGrazie alle nostre compagne di scuola, io e  Julieta Sepulveda riusciamo a metterci in contatto con Paola Luciani, la fotografa ideatrice del progetto. La incontriamo nella stanza adiacente alla palestra in cui le ragazze stanno facendo le prove per lo spettacolo che si svolgerà il 21 novembre alle ore 21 a palazzo Albergati.

Quando e come nasce questo progetto?
Questo progetto nasce nel 2014, ero la fotografa del saggio di danza di queste ragazze, e quando le ho viste ballare con i capelli sciolti mi sono emozionata tantissimo e da lì mi è venuta l’idea.

Nello spettacolo i capelli hanno un ruolo importante, ci puoi spiegare i motivi di questa scelta?
I capelli rappresentano l’individualità di una persona, a differenza delle altre parti del corpo essi non si deteriorano. Non a caso nei lager la prima cosa che i nazisti facevano era rasare tutti a zero. Per le donne, se portati lunghi e sciolti, sono inoltre simbolo di femminilità.

Dappertutto nelle campagne contro la violenza sulle donne troviamo immagini di ragazze piene di lividi, sfigurate, con le bocche cucite. Perché tu al contrario hai deciso di non mostrare nessuna immagine di violenza?
Quando è iniziato questo progetto ho fatto esattamente ciò che hai fatto tu, mi sono documentata, ho partecipato a delle conferenze sull’argomento e ho scoperto che nessuno fa vedere ciò che la violenza ti porta via: bellezza, giovinezza, femminilità… Ed è per questo che ho deciso di farlo io.

Chi è il principale destinatario del messaggio che vuoi far trasparire da questo spettacolo?
Sono i giovani, sia maschi che femmine. Vorrei insegnare ai ragazzi il rispetto e alle ragazze a non reprimersi e a non sottomettersi. È per questo che sono andata a parlare in molte scuole, compresa la vostra.

Tutte le foto che ho visto sono state scattate in mezzo alla natura, come mai questa scelta?
Ho fatto questa scelta perché le ragazze riuscissero a mettersi in contatto con la loro parte più interiore. Mentre scattavo quelle foto, non avevano né un pubblico, né la musica, per far capire loro cosa significava essere veramente libere.

Con noi c’è anche Davide Lazzaroni, il cantante coinvolto in questo progetto. Rivolgiamo anche a lui qualche domanda.

Ci vuoi parlare della parte musicale dello spettacolo?
In scena saremo quattro musicisti, ed io sono il cantante. Alcuni dei brani che eseguiremo li abbiamo composti noi, altri no, e sono presenti delle parti cantate ed altre invece parlate. Il nostro scopo è mostrare come uno spettacolo possa toccare più sensi possibile, renderlo totalizzante.

In base a cosa avete scelto la location?
L’abbiamo trovata per caso e si è rivelata perfetta. Albergati aveva costruito una sala appositamente per mettere in scena gli spettacoli scritti dai suoi amici, come ad esempio Goldoni. Inoltre tra quelle mura si vocifera che Albergati in persona abbia ucciso suo moglie dopo aver scoperto un’infedeltà. Insomma, si sposa perfettamente con il progetto!

Si  è fatto tardi, ma prima di andare ci propongono di vedere un pezzo delle prove dello spettacolo.
Parte la musica e noi rimaniamo incantate. Tutto ciò che riusciamo a vedere è un turbine di capelli biondi, neri, rossi, lisci, ricci, mossi. Le ballerine a volte si muovono in modo rilassato, a volte frenetico, volteggiano, saltano, roteano, e davanti a quella meraviglia nella nostra mente riusciamo a distinguere un unico, semplice pensiero: “wow”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...