The Void Project

di Elena Armaroli

The Void Project è un progetto che vede un team di persone nato con la finalità di dar vita ad eventi pubblici, o in rete, in cui interagiscano giovani artisti operanti in diversi campi. Si vuole creare una collaborazione tra diversi tipi di arte, uno scambio culturale. Ci servono vari punti di vista, diverse opinioni, diverse risposte”: così Leonardo Spampinato, uno dei pilastri di The Void Project, mi definisce l’innovativo progetto portato avanti da giovani artisti, mentre gli faccio qualche domanda davanti a un caffè. L’idea, mi spiega, è di organizzare eventi su un determinato tema, affrontato attraverso diverse discipline artistiche – musica, fotografia, poesia, … ; raggruppate in uno spazio comune. L’ultima e (per ora) unica mostra, La terra in frammenti, proposta a Bologna e Imola, verteva sullo scontro tra uomo e natura, rappresentato attraverso le fotografie di quattro giovani artisti bolognesi e accompagnato da musiche di Valentina Giannetta e Luis Antonio Canettoli e versi di Lorenzo Danieli. Il progetto si rivolge soprattutto agli artisti giovani ed emergenti, che hanno così la possibilità di farsi conoscere e d’inserirsi nel panorama artistico della zona: Leonardo mi racconta che, grazie alla mostra organizzata in centro a Bologna, un ragazzo ha avuto la possibilità di vendere alcune fotografie ed entrare in contatto con persone del suo campo. L’iniziativa sembra quindi essere decollata alla grande, con grande riscontro su pubblico e artisti; forse anche grazie a patrocinanti dai nomi importanti, come Legambiente.

Il tutto nasce nel settembre 2015 da un’idea di Davide Hare: l’illuminazione gli arriva da un concerto dei Massive Attack durante il quale all’esecuzione di uno dei brani era stata abbinata la proiezione di titoli di articoli tratti da una rivista scandalistica. Fu proprio il legame insospettabile creato tra la musica e qualcosa che a prima vista ne era del tutto lontano a colpire Hare e a dargli l’idea sui cui far vertere il progetto che sarebbe stato avviato di lì a poco. Nasce così, grazie a mesi di emozioni e duro lavoro, questo progetto corale e vivo, se vogliamo, un po’ ambizioso.

Si prospetta un futuro denso ed emozionante, di cui Leonardo ci anticipa una probabile dimostrazione di wushu (ndr: arte marziale cinese), accompagnata da musica in live di sottofondo; e una replica di La terra in frammenti a Riccione. Nella trepidante attesa di queste iniziative, se avete voglia di scoprire qualcosa in più sul progetto o di partecipare, potete contattare gli organizzatori sulla loro pagina Facebook.

L’intervista si chiude con una domanda un po’ personale: chiedo a Leonardo come si sia avvicinato al mondo della musica. Suo padre, mi racconta, suona il pianoforte: la musica è sempre stata parte integrante della famiglia. Lui, allontanandosi un po’ dalle orme del padre, a nove anni decide di iniziare a prendere lezioni di chitarra da Marco Falzoni, che diventerà una delle figure più importanti della sua identità artistica. Conosce così un mondo nuovo ed affascinante; che lo porterà, dieci anni dopo, fino a The Void Project.

Metamorfosi

di Anita Farneti

metamorfosi001

Oggi parleremo di Metamorfosi, uno spettacolo che ci racconta dieci episodi tratti dalle Metamorfosi di Ovidio a cui ho assistito al Teatro Comunale Laura Betti lo scorso 9 aprile.

Purtroppo questo spettacolo è durato sei ore – contando anche le pause in mezzo tra un episodio e l’altro – ed ovviamente non posso raccontarvelo tutto altrimenti ne uscirebbe fuori un romanzo. Quindi ho deciso di raccontarvi l’episodio che mi è piaciuto di più, ovvero quello di Narciso.

Per vedere questo episodio si doveva andare in una stanza situata sul tetto del teatro, ed era obbligatorio entrare uno per volta.

Mi hanno fatto indossare delle cuffie ed hanno fatto partire una registrazione, dopodichè sono entrata in questa camera bellissima, bianca, luminosa, con una grande vasca nel mezzo circondata da fiori, con all’interno una ragazza vestita da clown. Lei era Narciso.

La voce registrata ha iniziato a raccontare:

“C’era una fonte che splendeva come argento liquido, a cui mai nessun pastore aveva attinto né si erano abbeverate le capre o altre greggi dopo il pascolo: mai era stata sfiorata da un uccello né turbata dalla caduta di un ramo da un albero.

Giunto qui il ragazzo stanco per aver cacciato, si butta a bocconi per immergersi nella bellezza del luogo e per accostarsi alla fonte: e mentre cerca di soddisfare la sete gliene cresce un’altra dentro.

Beve e vede il riflesso della sua bella persona nell’acqua, ne è preso e si innamora di un’ illusione che non ha corpo pensando che sia corpo quello che non è altro che onda.”

Tenta di riabbracciare il suo riflesso, e quando non ci riesce si dispera.

metamorfosi002

“Ci fu mai qualcuno che soffrì di un amore più crudele del mio?

Sono innamorato e vedo l’oggetto del mio amore ma non riesco ad afferrarlo! E per maggior disappunto non è l’immenso mare a separarci, né un lungo cammino, né i monti, né le porte sbarrate di una cinta di mura, bensì solo poca acqua.

Anche lui desidera il mio abbraccio! Tutte le volte che mi sporgo per dare baci alla limpida corrente lui si sforza di raggiungermi, con la bocca rivolta verso la mia.”

Si è accasciata in acqua, e l’episodio era concluso.

Ho fatto un timido applauso e sono uscita.

Ascolta la rubrica Laura&Leo dedicata allo spettacolo Metamorfosi

Laura and Leo – Metamorfosi

di Anita Farneti

Quarta e ultima puntata per la rubrica Laura&Leo, realizzata in collaborazione tra il Liceo Leonardo Da Vinci e il Teatro Comunale Laura Betti di Casalecchio di Reno.

In questa puntata vi parleremo dello spettacolo Metamorfosi, andato in scena l’8 e il 9 aprile 2016, adattamento dall’opera di Ovidio a cura di Roberto Latini.

Qui potrete ascoltare il nostro commento e l’intervista integrale a Roberto Latini.

I disegni sono di Anita Farneti

La rubrica è realizzata con la collaborazione di Andrea Volpe alla parte tecnica.

Le musiche sono rilasciate con licenza creative commons e sono scaricate dal sito Jamendo. In questa puntata la musica di sottofondo è Andon di Alexander Siebert. La sigla è Possibilities di Jasmine Jordan

Leggi la recensione “graphic” dello spettacolo Metamorfosi

La disinformazione è il vero problema?

di Laura Rigobello

Il 31 marzo 2016 una parte del web è insorta. Quel giorno il programma “Le Iene” aveva mandato in onda un servizio di 19 minuti in cui l’inviata, Nadia Toffa, associava i fumetti e i cartoni animati giapponesi e alcuni locali tipici del Sol Levante al mondo del sesso con minorenni. Travolti dalla rabbia, molti lettori italiani di manga hanno dato vita ad una sterile rivolta sulla pagina Facebook del programma di Mediaset, urlando attraverso la tastiera tutti gli errori fatti in quel video.
Il servizio Solo fantasie sessuali o pedopornografia?, essendo stato creato per essere trasmesso in un programma di intrattenimento, è inevitabilmente pieno di generalizzazioni e semplificazioni che non aiutano lo spettatore a capire il reale dramma che il Giappone sta vivendo. L’alta competizione sia in ambito scolastico che lavorativo sta distruggendo il tessuto sociale dello Stato, causando suicidi (ogni 100.000 persone 22 muoiono in questo modo ogni anno), emarginazione sociale, bassa natalità e un progressivo invecchiamento della popolazione (un giapponese su quattro ha più di 65 anni). Molti giapponesi vivono, quindi, repressi, senza alcuna affettività e trovano una valvola di sfogo nel mondo fittizio che possono offrire i cartoni animati, i fumetti e i videogiochi che, al contrario di quanto sembra dire il servizio, non sono tutti a sfondo sessuale (lo sono solo quelli della categoria hentai).
Il clamore della vicenda, che ancora non si è completamente spento, dovrebbe far riflettere. Molti italiani si sono battuti a suon di commenti per proteggere i manga dalla disinformazione, non una nazione con gravi problemi sociali come il Giappone, o il proprio Stato, ma neanche i nostri simili, gli altri esseri umani. Questa polemica, come tante altre ben più spinose (come quella sui profughi), sta portando alla luce la nostra disumanità. “Homo sum, humani nihil a me alienum puto” diceva Terenzio; siamo sicuri che ancora sia così?

Wanderlust: i viaggi e la scienza

Che cos’è e perché ci dovrebbe interessare saperlo?

di Beatrice Lelli

Mi rivolgo soprattutto a tutti i ragazzi che hanno sempre sentito un senso di irrequietezza e che si sentono tutt’ora inadatti poiché non sanno ancora dare un significato alla parola casa: infatti non possono legarsi ad un solo luogo dato che appartengono al mondo.
Perciò per cominciare a sentirsi un po’ di più a casa devono imparare a conoscerla e per fare questo hanno bisogno di esplorarla viaggiando.

Questa non è una malattia o una pericolosa ossessione, ma un gene chiamato DND4–7R o più comunemente Wanderlust, che appartiene solo ad una piccola percentuale di popolazione e che causa questa voglia irrefrenabile di viaggiare generata da una grande curiosità rispetto al mondo che ci circonda.

Questo particolare gene è stato scoperto e studiato per la prima volta nel 1999 da Chaunsheng Chen, uno scienziato che è potuto arrivare ad affermare che le persone più predisposte ad avere questo gene appartenevano alla stirpe di coloro che, in origine, si erano voluti allontanare dall’Africa per migrare verso paesi più floridi.

Questo però non fu l’unico scienziato incuriosito dal raro gene del Wanderlust.
Infatti anche Jim Nooan, uno studioso di genetica, riuscì ad arrivare a delle conclusioni che però erano più specifiche, poiché erano improntate sull’aspetto dell’uomo. Infatti lo studioso in questione affermò che vi erano delle specie di ominidi anatomicamente più propense a viaggiare rispetto ad altre, e che per questo motivo anche il loro cervello era in grado di elaborare dei passaggi creativi più complessi.

A mio parere sia che si tratti di un gene che risale a miliardi di anni fa o semplicemente ad alcuni decenni passati non cambierà mai il fatto che è anche grazie a coloro che lo possiedono che ora siamo in grado di poter conoscere il mondo in ogni sua minima caratteristica. Quindi questi ultimi non possono essere bollati solo come “diversi”, ma al contrario come “esploratori”, i veri conoscitori del mondo.

Memorie di uno stage toledano

di Lorenzo Balbo

Era cominciata presto la giornata di Max. La sveglia era suonata, come sempre capita nei giorni lavorativi, alle 8. Giusto il tempo di azzannare una ensaimada, dolce maiorchino dalla caratteristica forma a spirale, e sorseggiare un caffè corretto col latte e si parte verso Plaza Zocodover (nucleo centrale dell’assetto urbano toledano) per aprire il negozio dove Max lavora come archeologo insieme alla moglie, Elena. La macchinetta lasciata appositamente sul fornello servirà certamente più a lei, che di dosi giornaliere di caffeina ne ingerisce quasi sette. Ma il cafè, è risaputo, “lo fanno meglio gli italiani”.

Per arrivare a lavoro, per fortuna, non c’è bisogno della macchina. Le vie del casco antiguo (zona centrale della città delimitata dalle mura antiche e posta in cima ad un colle) sono talmente strette che quando passa un veicolo, i pedoni sono costretti a rifugiarsi ai margini della carreggiata. Talvolta trattenendo anche il respiro, onde evitare spiacevoli incontri con specchietti altrui.

La giornata è stata stancante, ma la solarità delle gente del posto sa alleviare anche la pesantezza di un raro giorno di pioggia. Si conoscono tutti, o quasi, qui a Toledo. L’ambiente è sano e accogliente. Forse perché, da tempo immemore, è stato abituato ad essere crocevia delle tre culture monoteiste che, convivendo e alternandosi, hanno radicato le loro tradizioni in questo atomo di Spagna pullulante di storia. Non è raro, infatti, imbattersi in una Mezquita convertita in Sinagoga o in Iglesia.

L’orologio segna le nove di sera. Ora Max è in cucina, il luogo della casa in cui meglio può esprimere il suo estro. Da molti anni a questa parte collabora con progetti di scambio culturale, offrendo asilo a studenti stranieri. A loro, tra poco meno di mezz’ora, servirà la bomba, una cena molto impegnativa per gli apparati digerenti.

Primer plato: paella. Celeberrima specialità della cucina valenciana a base di riso, zafferano, carne, verdure e spezie, servita nella tipica e apposita padella, la “paella”, appunto. Max, però, opterà per la variante alternativa che, al posto della carne, prevede i frutti di mare: la paella de marisco.

In sottofondo, le notizie del telegiornale esordiscono con la solita sequela di scandali politici, che non risparmiano né membri della Famiglia reale né ex presidente della Comunità autonome (la Spagna è una monarchia costituzionale divisa in regioni autonome, ndr). “Siamo molto sfiduciati per la situazione del nostro paese. Ogni giorno ci vendono dati buoni, ma a noi non sembra che le cose stiano migliorando”. “I politici spagnoli hanno dimostrato che, prima o poi, finiscono sempre per rubare soldi a noi cittadini”, rafforza il carico Elena.

E le recenti elezioni? I quattro partiti principali hanno aperto un valzer di trattative, fino ad ora inconcludenti. Rey Felipe IV ha convocato al Palazzo reale Mariano Rajoy, lider del PP (Partido Popular, destra) che detiene la maggioranza relativa, ma per ora non sono stati raggiunti i numeri giusti per stabilire un coalizione vincente. Segue a ruota l’altro partito spagnolo storico, il PSOE (Partido Socialista Obrero Español, sinistra) guidato da Pedro Sanchez e Podemos di Pablo Iglesias. Entrambi hanno fatto capire che di alleanze non se ne parla. Qualche gradino più in basso si piazza Ciudadanos di Albert Rivera. Carne al fuoco ce n’è. La telenovela continua.

La parte sportiva, nei telediarios spagnoli, occupa ben un quarto d’ora. “C’è un gran interesse per lo sport, anche se non capisco perché” afferma la consorte. Max, supporter sfegatato del Toledo, sbuffa : la nazione iberica ha, soprattutto negli ultimi anni, sempre occupato posizioni di vertici nei ranking mondiali più popolari. “Barcelona no puede ganar (vincere): el sabado va a perder contra el Levante”, sentenzia. Il nostro eroe nutre, in effetti, una profonda avversione nei confronti dei due colossi della Liga, rei di essere eccessivamente ricos e ladrones.

Segundo plato: tortilla, frittata di uovo sbattuto e patate. “Metà degli spagnoli aggiungono cipolle, ma noi siamo della fazione opposta” commenta lo chef, prima di cominciare una approfondita analisi sui luoghi comuni iberici.

“I baschi vengono facilmente bollati come burberi. Sono molto orgogliosi della loro cultura e spesso si chiudono nei loro confini”: parlano una lingua incomprensibile, l’Euskera, senza alcun legame con le altre della penisola. Tuttavia, “hanno un forte senso dell’amicizia: per loro i compagni d’infanzia sono compagni di vita. Li apprezzo più che gente di altre regioni meridionali, apparentemente accoglienti, ma pronti a pugnalarti alle spalle”. Restando a nord,“anche in Galicia si parla una lingua diversa dal Castellano, ovvero il Gallego che, per vie della vicinanza geografica, subisce molto l’influenza del portoghese”. La terza lingua indipendente è il Catalano. “Sono nato a Lèrida, ma a quattro anni mi sono trasferito in Castilla y Leòn. Come nel Paìs Vasco, il senso di appartenenza è diffuso, ma non sento alcun legame con quella terra, anzi”. Più a sud, ma sempre sulla costa mediterranea, troviamo la Comunitat Valenciana: “è il principale sfondo dei fatti di cronaca nera spagnoli. Sarà per via del clima focoso del Levante, bah…”.

La gola è ormai secca e il testimone passa a Elena. “Sono di Madrid e noi capitolini abbiamo la nomea di essere altezzosi”. “Non che i toledani, inospitali e tontos”, aggiunge scherzosa, “se la passino meglio”. “I miei genitori”, prosegue, “sono andalusi. E’ una regione particolare e decisamente vasta: da una città all’altra si nota molto il cambio di inflessione. La parlata è stretta e, se non si è nativi di quelle zone, la comprensione risulta davvero difficile”.

Postre: churros, pastelle fritte spolverate di zucchero, spesso accompagnati con una tazza di cioccolata calda.

Franco? In Spagna non pronunciate quel nome. Le ferite di quel periodo nero sono ancore aperte. Ho vissuto il Franchismo fino all’età di otto anni. Ricordo che, ai tempi delle elementari, si soleva fare l’appello mattutino disposti in riga, salutando a turno la maestra col braccio teso. Una volta, appena passatami affianco, le feci il dito medio. Sfortunatamente se ne accorse e mi punì. Ci bacchettavano ogni giorno. Molti di noi provenivano da famiglie anti-franchiste, ma dovevamo celarlo. Alcuni dei miei compagni avevano parenti dissidenti: chi era contro il regime spariva regolarmente, salvo poi essere ritrovato morto più avanti. Malattia, la diagnosi”.

“La mia è stata una generazione sostanzialmente bruciata”, prosegue nel fiume in piena di ricordi Max. “Dopo la dittatura (terminata nel 1975), è arrivata la cocaina che ha devastato i giovani spagnoli”. E’ il momento di prendersi una pausa.

In salotto fa capolino anche Elena. “Ho sentito che in Italia si parla molto del problema immigrazione. Anche da noi è così. Le zone nevralgiche degli sbarchi sono, ovviamente, Ceuta e Melilla prima e lo Stretto di Gibilterra poi. Molti profughi arrivano per proseguire il loro cammino verso nord. Personalmente non credo che l’accoglienza possa causare alcun problema alla popolazione spagnola. Molti di noi, a inizio novecento, ma anche recentemente sono emigrati all’estero in cerca di una sistemazione migliore”.

Mezzanotte e mezza. Tempo di andare a risposare: Max e Elena sono stanchi. Domani li aspetta una nuova giornata. Prima di rintanarsi sotto le coperte, però, gli studenti li salutano e, come doveroso nei confronti di questo calibro, li ringraziano por ser muy buena gente.

Ps. Il giorno dopo, Iglesias andrà a Palazzo Reale, ma la chiacchierata con Felipe IV terminerà in un nulla di fatto. In contemporanea, il Barcellona si imporrà, grazie ad un arbitraggio generoso, 2-0 sul campo del Levante. Nonostante ciò, da Valencia non giungeranno notizie di fattacci nel post-partita.

Stage a Toledo 2016

Guarda la fotogallery
Le foto sono di Andrea Volpe

Leggi Toledo: uno stage indimenticabile di Alice Scorzoni

Fa’afafine

 di Anita Farneti

faafafine_1_farnetiSono al Teatro Laura Betti di Casalecchio di Reno dove va in scena lo spettacolo diretto dal regista Giuliano Scarpinato Fa’afafine .

Fa’afafine nell’isola di Samoa, in Polinesia, viene utilizzato per indicare le persone di terzo genere, ovvero che non si identificano né con i maschi né con le femmine. Lì sono figure estremamente rispettate. Possono decidere come vestirsi ed hanno il permesso di sposare sia uomini che donne.

Il protagonista dello spettacolo è Alex, un fa’afafine di otto anni, interpretato dall’attore Michele Degirolamo.

Si alza il sipario e lo vediamo nella sua cameretta intento a raccontare alle sue bambole del suo compagno di classe Elliot, di cui si è innamorato. Alle sue bambole Alex confessa di avere in programma di andare a prendere all’aeroporto  Elliot, che quel giorno sarebbe ritornato da un viaggio e, dopo avergli confessato il suo amore, fuggire insieme, a Samoa, dove finalmente sarà lasciato libero di essere ciò che vuole.

Assistiamo all’esilarante scena in cui deve decidere cosa mettersi: un vestito da principessa assieme al casco di Thor, un cerchietto con le farfalle e degli occhiali da aviatore. Resta solo da decidere se per completare il look sono meglio delle scarpe da ginnastica o col tacco.

Ma in quel momento i genitori bussano alla porta, ma trovandola chiusa a chiave, domandano cosa stia succedendo. Proprio nel momento in cui Alex confessa ai genitori il suo piano, la madre riceve una lettera dalla scuola che li convoca per dei “problemi” riguardanti il figlio, e subito dopo anche una chiamata dalla madre di Elliot, che le riferisce che suo figlio non vuole più andare a scuola perchè si vergogna dei bigliettini d’amore che Alex gli lascia nell’armadietto.

A quel punto Alex, che ha ascoltato tutto, disperato, si ricorda di ciò che la nonna gli aveva detto una volta: “Per comunicare con qualcuno lontano da te devi pensare a lui fortissimo, e ti sentirà”. Così tenta di mettersi in contatto con quelli che lui crede essere i suoi unici salvatori: i fa’afafine. Con la sua immaginazione trasforma la sua cameretta in una navicella spaziale, che però non lo porta a Samoa, ma in una landa desolata.

L’attore Degirolamo, durante l’intervista seguita allo spettacolo, mi ha spiegato che quello che volevano trasmettere al pubblico con la scena sopra descritta è che, prima di fare un “salto” verso una realtà diversa da quella che stiamo vivendo, bisogna prima affrontare il proprio quotidiano. In questo caso il quotidiano è il rapporto di Alex con i suoi genitori, con i quali è necessario raggiungere un’intesa al fine di arrivare a Samoa, il luogo immaginato da Alex come luogo felice.
Infatti nella scena successiva i genitori riescono a far sfogare il figlio, e così riescono finalmente a fargli confessare il motivo del suo progetto di fuga e di non tornare più a scuola: in classe Alex è tormentato dai bulli. Racconta di quando per sbaglio la sua bambola gli sia uscita dallo zaino e di come i compagni, vedendola, abbiano iniziato a prenderla a calci.

faafafine_2
Allora la madre prende una decisione, esce per un attimo e si ripresenta vestita da uomo, accompagnata dal marito, vestito da donna. Vedendoli Alex prende il suo zainetto, mette la sua bambola in bella mostra ed esce dalla camera in cui si era barricato. Tutti insieme si dirigono a scuola, a dimostrare al mondo che sono una famiglia speciale.

faafafine_3

Io sono uscita dalla sala più che entusiasta, ma non tutti sono della mia stessa opinione: infatti questo spettacolo si è scontrato con le proteste di molti genitori ed insegnanti, impauriti da quello che questo spettacolo avrebbe potuto insegnare ai bambini. Ma vi posso assicurare che ai bambini che io ho visto in sala lo spettacolo è piaciuto tantissimo. Una di loro, in particolare ha alzato la mano a fine spettacolo per dire una frase, a parer mio, emblematica: “Non è mai sbagliato essere sé stessi”.

Ascolta la rubrica Laura&Leo dedicata allo spettacolo Fa’afafine

Laura and Leo – Fa’afafine

di Anita Farneti

Terza puntata per la rubrica Laura&Leo, realizzata in collaborazione tra il Liceo Leonardo Da Vinci e il Teatro Comunale Laura Betti di Casalecchio di Reno.

In questa puntata vi parleremo dello spettacolo Fa’afafine andato in scena il 13 marzo 2016, scritto da Giuliano Scarpinato e interpretato da Michele Degirolamo, con la partecipazione di Gioia Salvatori, una produzione Teatro Biondo Stabile di Palermo.

Qui potrete ascoltare il nostro commento e l’intervista integrale a Michele Degirolamo e Giuliano Scarpinato.

Laura&Leo - Fa'afafine

Guarda i disegni di Anita Farneti

La rubrica è realizzata con la collaborazione di Andrea Volpe alla parte tecnica.

Le musiche sono rilasciate con licenza creative commons e sono scaricate dal sito Jamendo. In questa puntata la musica di sottofondo è Fiore d’inchiostro di Mattia Vlad Morleo. La sigla è Possibilities di Jasmine Jordan

Leggi la recensione “graphic” dello spettacolo Fa’afafine

Festival dell’Oriente: un fantastico viaggio in luoghi mozzafiato

Il Festival dell’Oriente permette un fantastico viaggio nello stravagante e sconfinato mondo asiatico e di teletrasportare chiunque vi partecipi in luoghi a dir poco mozzafiato.

di Denise Passuti

Basta un passo per ritrovarsi prima in Bangladesh, poi in Birmania, Cina, Corea, Giappone, India, Indonesia, Malesia, Mongolia, Nepal, Tibet e infine in Thailandia.

Al Festival dell’Oriente, che si è tenuto a Bologna Fiere proprio in queste ultime settimane, è infatti possibile assistere a spettacoli di ogni genere – di ballo, canto, arti marziali e tanto altro – e ammirare mostre fotografiche dei vari Paesi orientali.

O anche comprare nei bazar gli oggetti più disparati, come ad esempio opere d’artigianato, abiti tradizionali, armi splendenti o favolose pietre preziose, e negli stand alimentari cibi e bevande di ogni tipo, dai pocky – grissini ricoperti di cioccolato, come i Mikado – alle leggerissime nuvole di drago, che sono sfogliatine fritte al gusto di frutti di mare.

Festival-Oriente_bolognaSi può partecipare a cerimonie tradizionali come la vestizione del kimono, la preparazione del the o l’incontro con i gentilissimi bonzi che ti legano al polso un braccialetto portafortuna.

Le attività proposte, tuttavia, non sono solo queste, ma ci sono anche aree adibite allo yoga, ai massaggi, ai combattimenti e non solo!

Un altro aspetto veramente strepitoso è la presenza di vari ristoranti e stand di essenze e spezie, che diffondono in tutti e tre i padiglioni profumi veramente allettanti e travolgenti: sembra davvero di essere da tutt’altra parte, in uno di quei misteriosi e affascinanti Paesi dell’Asia.

È un’esperienza che merita davvero di essere vissuta, in primo luogo perché è a due passi da “casa”, e in secondo luogo perché non è una possibilità di tutti poter viaggiare e raggiungere questi straordinari angoli di paradiso dall’altra parte del mondo.

Perché GG Allin è simbolo indiscusso di ribellione

Alice Cooper, Iggy Pop, Marilyn Manson, nomi che rimandano immediatamente all’archetipo del ribelle. Ma c’è un altro personaggio, poco conosciuto dai meno giovani e quasi sconosciuto ai più giovani, rimasto però celebre nel panorama punk americano: il suo nome era Kevin Michael Allin, meglio noto come GG Allin.

di Guglielmo Dussi

Prima di spiegare il perché sia diventato simbolo indiscusso di ribellione, partiamo dall’inizio.
GG nasce nel 1956 a Lancaster nel New Hampshire, all’epoca il posto più bigotto degli Stati Uniti. Il padre, fondamentalista cattolico, lo chiama inizialmente “Jesus Christ”, da cui il nome GG. Il fratello Merle, non riuscendo a pronunciare il nome, prese a chiamarlo “GeGe”.
Le rigide regole che egli imponeva alla sua famiglia spinsero il giovane Allin sempre più verso la ribellione instradandolo verso il rock. Stanca di tutto, la madre dapprima cambia il nome di GG in Kevin Michael Allin e in seguito si separerà dal marito, traslocando con i suoi due figli.

Ma ormai è fatta: da qui comincia la carriera da sbandato che caratterizzerà la vita del cantante per tutta la sua vita, fatta inizialmente di piccoli furti, spaccio e altri piccoli crimini che lo porteranno in prigione una cosa come 50 volte.
Comincia inoltre a suonare con il fratello nei Malpractice, nel 1975.
Ma i gruppi in cui egli ha militato sono innumerevoli, per citarne alcuni: The Murder Junkies (ancora attivi), The Antiseen e The AIDS Brigade.

E ora arriviamo al punto, e al motivo per cui è ricordato.
I suoi spettacoli dal vivo erano conditi da risse con il pubblico – una volta ruppe sei denti a un tipo con un colpo di microfono – esibizioni completamente nudo, ubriachezza, “contatti” più o meno espliciti con il pubblico e automutilazioni. Tutto ciò portava nella maggior parte dei casi alla fine anticipata del concerto, spesso fermato dall’arrivo della polizia. Continue erano inoltre le minacce di porre fine alla sua vita sul palco, cosa che voleva fare la notte di Halloween del 1989, ma non vi riuscì perché venne arrestato e tenuto in prigione tre anni.
Uscito più arrabbiato di prima, intraprese un ultimo tour, terminato con il concerto del 27 giugno 1993. Dopo la fine della serata, si reca a casa di amici e inizia ad assumere droga e alcool. Viene trovato morto l’indomani e, su richiesta del fratello Merle, sepolto senza essere lavato, e il suo funerale diventa in breve tempo un party a base di hardcore punk.

In conclusione, per quanto fosse sicuramente discutibile come personaggio, trovo GG Allin piuttosto interessante dal punto di vista musicale.
Nonostante fosse mediamente dotato – non era stonato, ma non si poteva certamente definire un grande cantante – la sua musica è odio sputato su un microfono, ed è sincera fino al midollo.
Disprezzava la società e attraverso la sua musica esprimeva perfettamente il suo risentimento e la sua disapprovazione, riuscendo ottimamente a raggiungere il suo obbiettivo.
Parafrasando una sua affermazione, possiamo dire che la sua mente fosse una mitragliatrice e il suo corpo i suoi proiettili, che lui indirizzava verso il pubblico.